• Punti Esclamativi

    Sono una mamma in crosta di marzapane perchè…

    Non aspetto che passi la tempesta. Preferisco ballare sotto la pioggia.

    Se avessi esitato quando hanno pronunciato la diagnosi di mia figlia, se avessi preso tempo per riflettere e decidere cosa fare, oggi non sarei qui a volervi raccontare la mia storia e a voler condividere le vostre!

    Adoro la definizione di Josè Saramago che recita :

    “ Figlio è un essere che Dio ci ha prestato per fare un corso intensivo di come amare qualcuno più che noi stessi, per apprendere ad avere coraggio. I figli sono nostri solamente quando non possono prendersi cura di sé stessi. Dopo appartengono alla vita, al destino”.

    Parole che conosciamo tutte noi mamme. Ma quando pronunciano una diagnosi -di qualsiasi entità sia – il nostro dovere di mamma è fare in modo che un giorno nostro figlio possa continuare a vivere in nostra assenza.

    Sono una mamma in crosta di marzapane perchè…

    Amo la vita anche se non è stata sempre come avrei voluto e forse non lo sarà mai.

    Chi mi conosce sa che sorrido sempre. Sono siciliana, ho il sole in viso ma anche dentro. E mia figlia mi ha visto sorridere fin dal primo momento della nostra vita insieme. Non sempre va tutto dritto però…

    Sono una mamma in crosta di marzapane perchè…

    Il caos c’è quando ho paura. Quando arriva “la confusione”, mi fermo un attimo a pensare come lasciare mia figlia fuori dai miei dubbi, le mie paure. Ma soprattutto chiarisco a me stessa che se prendo in mano la situazione il caos cessa e trovo le soluzioni che mi servono.

    Quando provi a combattere una malattia “invisibile” pensi di non potercela fare, perché non è detto che tu la veda subito, la riconosca. Un’altra mamma forse mollerebbe la battaglia, si dichiarerebbe sconfitta e lascerebbe fare agli altri. Io no! Caro mio spettro, sei invisibile ad occhio nudo, ma ci sei: conosciamoci! Lo faccio da quasi 4 anni ormai e oggi lo vedo, almeno in parte!

    Sono una mamma in crosta di marzapane perchè…

    Vivo la mia vita come perennemente ferma ad un incrocio, dove mi sembra di essere già stata altre volte. Che strada prendo? Quella della logica e del cuore di mamma. Paziento e trovo le risposte che mi servono. Non vinco sempre, ma imparo dai miei errori e mi preparo al prossimo incrocio!

    Sono una mamma in crosta di marzapane perchè…

    Non faccio più caso a chi ci osserva per valutare la mia reazione ad un inusuale comportamento di mia figlia. Mentre, invece, vedo la difficoltà che hanno altri genitori. Non tutti soffriamo della stessa pena e non tutti soffriamo con la stessa intensità.

    Soltanto nel momento in cui ho accettato la mia nuova vita di mamma sono stata in grado di cambiare prospettiva.     

    Sono una mamma in crosta di marzapane perchè…

    Ho una grande sopportazione del dolore fisico e psicologico.

    Il fatto che mi venga naturale parlare della mia esperienza probabilmente induce qualcuna a pensare che accade perchè sono “più fortunata” di altre. Non ne sono sempre convinta! Tuttavia…Perché non considerare questa condizione un’opportunità?

    Il dialogo tra noi, MAMME IN CROSTA DI MARZAPANE, è fondamentale per esplorare le nostre capacità, le nostre incertezze, acquisire informazioni che non sempre ci vengono date e possono semplificare la nostra vita.

    La nostra serenità è il motore per dare senso alla vita che ci è stata data. Perché il nocciolo fondamentale di tutto non è che “abbiamo un figlio con difficoltà”.E’ che non dobbiamo assolutamente rinunciare ad essere le mamme e le donne che volevamo essere nei nostri sogni!

    Questo blog è il mio spazio personale che ho deciso di condividere con chi cerca una spalla, un confronto “tra mamme” o semplicemente una parola che ravvivi la giornata.

    Se vuoi sapere cosa faccio nella vita oltre che essere mamma, clicca qui.

    Non intendo tollerare commenti ingiuriosi verso di me o verso altri e perciò, se è il caso, non esiterò a bannare. Qui si parlerà spesso di mamme che combattono “malattie invisibili”, ma sono ben accette mamme che vivono realtà fisicamente drammatiche e cercano un sorriso. E mamme che non combattono niente di “eccezionale”, ma sono mamme “eccezionali” perché vogliono apprendere per comprendere.

    Adoro le immagini che rendono tutto immediato. Non sempre scatterò foto, perché non sono abile con la macchina fotografica. La maggioranza saranno prese dal web in quanto libere da copyright. Ce ne saranno di personali, con Giulia, mia figlia, o senza. Quelle sono MIE :GUAI a farne uso per propri scopi personali!

    LAVORIAMO INSIEME AD UNA NUOVA “ME”?

    Se vuoi sapere come affrontare con meno stress il peso di una diagnosi, di come mi sono documentata per farlo ,te ne parlo qui

    Se invece vuoi scoprire il punto interrogativo più grande che ho avuto e che a volte ricompare, clicca qui

    Se vuoi soltanto avere un suggerimento per aiutarti a RINNOVARE te stessa cedendo ad un sano momento di egoismo, ti vengo in aiuto qui

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    2 comments
    Sono una mamma in crosta di marzapane perchè…

    • Antonella ha detto:

      Ciao Monica,sono una mamma in crosta di marzapane anche io..sono mamma di una bellissima bambina a cui é stata fatta diagnosi di spettro dell’autismo..una bambina non verbale che vive tutta la fatica e la difficoltà di chi non é sempre compresa..ma siamo felici,io sono felice e immensamente grata a Dio perché lei e’ nella mia vita e la rende speciale, si alle volte faticosa ma comunque speciale.Ammiro e apprezzo tantissimo la tua forza e volontà e ti ringrazio perché parlare e conoscere una cosa fa sì che possiamo averne meno paura.Forse dovremmo fare di più per aiutare chi non ha la forza di accettare e guardare ciò che é la realtà solo con la consapevolezza possiamo aiutare i nostri bimbi speciali.Ti abbraccio e ti seguirò con stima e affetto.

      • monica ha detto:

        Ciao Antonella! Benvenuta. Io ringrazio te per aver portato la prima testimonianza. E’ vero, non è facile, ma, parlandone, sarà meno difficile. Soprattutto dandoci una mano anche con semplici chiacchiere e qualche risata che allievi le nostre riflessioni. Hai tutta la mia stima. A presto