• FARE-LEGGERE-TUTTI

    Punto e basta

    I nostri figli sono nati per leggere

    Se riesci a far innamorare i bambini di un libro, di due, di tre, cominceranno a pensare che leggere è un divertimento…
    …E leggere è uno dei piaceri più grandi e importanti della vita
    (R.Dahl)

    Quando Giulia mostrava qualche difficoltà ad esprimersi a parole, cominciai a comprarle i primi libri, attingendo dalla piccola libreria del Nido che frequentava per scegliere i titoli che più potevano destare la sua attenzione.

    I libri sono stati da quel momento lo strumento più efficace per potenziare il suo linguaggio.

    Tanto da averlo trasformato in un vero e proprio gioco, quando abbiamo scoperto l’esistenza dei testi con Linguaggio Aumentativo Alternativo (della CAA ti avevo già accennato qui).

    Due settimane fa, su indicazione di Chiara e Cecilia (le sue terapiste), abbiamo scoperto un’iniziativa su Facebook che farà innamorare anche tuo figlio o figlia della lettura (chissà, forse anche te!)

    Ogni Sabato alle 11.00, per mezz’ora, ci ritroviamo davanti allo schermo del pc per vedere e ascoltare due storie in linguaggio CAA, raccontate da Caterina, membro dell’associazione per la promozione culturale

    Obiettivo di questa Associazione è

    PROMUOVERE LA LETTURA PRESSO BAMBINI E RAGAZZI, SPESSO SVANTAGGIATI

    Ad animarla insegnanti, genitori, educatori, linguisti, che, insieme alla fondatrice – Rosanna Pasi -, partendo dal territorio ravennate in cui l’associazione è nata

    si impegnano a diffondere l’uso dei libri fuori dalle scuole, trasformando i libri in oggetti attraverso i quali accostarsi ad altre attività performative, come la musica e la recitazione.

    Con questa lettura del Sabato mattina su FB il loro messaggio – o parte importante di esso – esce dai confini emilio-romagnoli e arriva dappertutto, intrattenendo grandi e piccini.

    Perchè se Giulia rimane affascinata dalle immagini dei libri e ascolta ammaliata Caterina che “anima” la lettura, ho anche io mamma una grande opportunità di approfondire alcuni argomenti che riguardano la comunicazione di questo tipo e non solo, potendo scegliere cosa è meglio per Giulia.

    Leggere ci dà un posto dove andare anche quando dobbiamo rimanere dove siamo (M.Cooley)

    E’ tipico dei nostri figli rifugiarsi in un mondo diverso da quello reale.

    Lo fanno tutti i bimbi di trovare nella fantasia un rifugio.

    Nel caso dei nostri, potremmo sfruttare la loro propensione naturale a crearsi un rifugio usando i libri per avvicinarli il più possibile al reale, per fargli conoscere musica e canto, per accelerare i loro piccoli grandi successi nella comunicazione col mondo esterno.

    Se sei dei dintorni e vuoi conoscere i tanti servizi CAA che l’Associazione FARE LEGGERE TUTTI mette a disposizione di genitori e figli, consulta la pagina dei servizi del loro sito.

    Se non lo sei ma hai voglia di scoprire quante informazioni utili possono darti, insieme alle innumerevoli iniziative che organizzano, entra nella Community di Facebook o naviga nel loro sito

    Vuoi sapere quale storia è piaciuta di più a Giulia?

    Quella del cagnolone Oliver.
    E delle cose che gli piacciono e di quelle che non gli piacciono.

    Oliver le ricorda molto la nostra Marghe, che non c’è più e da quando ha ascoltato quella storia appena vede un cane in tv richiama il suo comportamento o quello di chi gli sta intorno ricordando Oliver.

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *