• Punto e basta

    Pronta per le vacanze?

    Hai preparato le valigie?

    Hai liberato la mente dai “se” e dai “ma”?

    Più semplicemente, sei pronta per le vacanze?

    Argomento molto dibattuto quest’anno.

    ➽ C’è chi dice che per colpa della pandemia molta gente non ha lavorato o è stata costretta in cassa integrazione: eppure, le autostrade sono affollate nei week-end!

    ➽ C’è chi dice che per colpa della pandemia siamo rimasti talmente tanto tempo a casa a “far niente” che bisognerebbe rimandare le ferie : spiegatemi cos’è far niente in casa e poi ne riparliamo!

    ➽ C’è chi dice che è proprio perchè c’è stata la pandemia e siamo stati tanto tempo in casa che vale la pena allontanarsi un po’ per riprendere a vivere serenamente!

    Tutto discutibile, ma dal punto di vista di noi mamme in crosta?!?

    Noi mamme in crosta andremo in vacanza?

    Abbiamo bisogno di andare in vacanza?

    La risposta è quasi ovvia, perchè la pandemia ha arrestato anche i supporti terapeutici che per molti dei nostri figli erano fondamentali (e per noi mamme una fonte di sostegno anche psicologico).

    Stare in casa per 24 h per molti di loro non è stato semplice.
    Tanto che alcuni Sindaci hanno quasi subito emanato un’ordinanza che permettesse loro di poter uscire a fare quattro passi quando per gli altri non era possibile, se necessario.

    E diciamocelo, non tutte noi mamme in crosta abbiamo avuto la “crosta” per poter gestire al meglio quel periodo.

    Anche nel caso dei sostegni terapeutici, la ripresa è stata lenta poiché si è dovuto decidere con chi dover riprendere di persona e chi poter seguire “a distanza”.

    Quindi, mamma in crosta del mio , che tu sia una libera professionista, che tu sia una casalinga (col suo bel da fare che non è poco!), che tu sia da sola a pensare a tu* figli*, hai tutto il mio supporto morale per scappare anche a soli 30 km da casa e sentirti in vacanza, lontana dalla quotidianità.

    E parti pronta a subire le occhiate di chi vedrà un probabile bambino con difficoltà e ci terrà a farti capire che “speriamo rispetti le regole anti-COVID, altrimenti poteva stare a casa!”. Sono quelli che sputano in spiaggia, fanno pipì seduti a riva e poi si alzano come nulla fosse, lasciano immondizia sepolta nella sabbia (che sia “solo un mozzicone” è comunque immondizia), urlano come avessero dimenticato a casa l’apparecchio acustico e ti passano sopra col braccio alla cassa del bar mentre tu stai riponendo il resto nel portafoglio.

    Tu sai cosa potrete fare insieme.

    Vai dove puoi davvero sentirti serena che lui o lei e tu possiate godervi le vacanze delle quali avete diritto come e più di altri.

    P.S.Io mi prenderò qualche giorno a fine mese, dopo aver sistemato i cartoni del trasloco, e brinderò con Giulia (ad acqua naturale!) alla nuova vita che ci attende

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *