• donne croniche con storie particolari

    Punto e basta

    Io sono una donna CRONICA, come te

    CRONICA io?

    Proprio così mi ha definito Francesca Fiorentino, giornalista di professione ma super donna che cerca donne con le quali condividere il proprio spirito.

    Ci siamo incontrate in un gruppo FB animato da molte freelancers di varia estrazione.
    Cercava storie particolari per il suo blog d’informazione al femminile , Smackzine

    Ed io spontaneamente ho sentito il bisogno di raccontarle non la mia storia da artigiana, ex manager d’azienda e bla bla.

    Ho scelto quella di mamma in crosta.
    E lei mi ha risposto proponendomi un’intervista telefonica registrata e messa in onda come podcast.

    Nello spirito della sua rubrica DUEMINUTIESCENDO, in pochi minuti abbiamo raccontato perchè non bisogna temere, ma affrontare l’autismo, in ogni forma si presenti.
    E, ovviamente, lo spirito di questo blog.

    E’ stato allora che mi sono scoperta intervistata in qualità di DONNA CRONICA.

    E voglio scorrere con te le definizioni che lei ha dato a questo profilo di donna, perchè ho una convinzione che ti svelerò alla fine.

    Chi sono le donne croniche? Sono le donne dalla forte identità. Curiose, spiritose, vitali e piene di desiderio.

    (Francesca Fiorentino)

    Sei una donna cronica se segui il tuo cuore anche se a volte puoi sbagliare.

    Oui, c’est moi.
    Ancora oggi posso sbagliare, ma per certo so di non essermi mai mossa con presunzione, ma solo con l’intento di far valere un diritto, chiedere una spiegazione, affrontare una situazione poco chiara.

    Se racconti le favole ai bambini.

    Le racconto? Io le invento.
    Nel periodo post lock-down, sole a Modena Giulia ed io, le raccontavo prima di farla addormentare la storia dell’aeroplanino Jack che desiderava volare su una spiaggia per conoscere tanti bambini (farsi una cultura di cartoni serve, quindi ho preso un po’ da Jet di SuperWings e un po’ da Trenino Thomas  )

    Se prepari la pizza e quando vedi l’impasto che lievita ti sembra di stare davanti alle vetrine di Tiffany.

    Io, io ,io !
    5 tentativi, 3 formule diverse di impasto con farine prive di glutine e adesso la Domenica Giulia me la chiede già di mattina.

    Voglio chiacchierare con te come si fa tra amici davanti ad un buon bicchiere di vino, quando le cose importanti vengono dette con temeraria leggerezza.

    Ovvero, il senso di questo blog.
    Dare leggerezza a ciò che ci provoca sofferenza o ci rende più sensibili.

    Ma la definizione in cui mi sono ritrovata di più è questa :

    Voglio portarti ogni giorno in un mondo pieno di suggestioni e farti conoscere qualcosa che non sapevi.

    Qui ma soprattutto come artigiana il mio motto (hastag sui social) è #volodaferma.

    Siamo donne croniche noi mamme in crosta.
    E dico noi, perchè arrivo a svelarti la mia convinzione.

    Avrai anche tu una “capacità nascosta” o un “non talento” che ti rende speciale.
    Anche tu non molli mai e anche da seduta, mentre rifletti, stai cercando come raggiungere i tuoi obiettivi.

    E allora urliamolo forte :

    NOI MAMME IN CROSTA SIAMO DONNE CRONICHE!!!

     

    Smack! come mai perdere di vista quello che ci fa stare bene perché sta lì il segreto della felicità.

    (Francesca Fiorentino)

    Che dire Francesca?
    Ho trovato una donna cronica con la quale prendere aperitivi a go-go e sorridere di ciò che la vita ci ha dato e ci riserva.

      anche a te

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *