“Com’è cominciato?” disse.
“Non posso dire l’ora precisa, il luogo, lo sguardo, le parole che stanno alla base di tutto.
Mi ci sono trovato nel mezzo prima di accorgermi che fosse iniziato”

– Jane Austen

Sono Monica, mamma di una bimba di 5 anni e mezzo (quando ho aperto il blog) con spettro autistico.

Uno dei tanti. Forse uno dei “migliori” da poter imparare a gestire. Ma comunque uno spettro che probabilmente non scomparirà mai e, per questa ragione, è già diventato come un “secondo figlio”.

Oggi si sente spesso parlare – a proposito di bambini dai 2 anni in su – di spettri autistici, iperattività, incapacità di regolare le proprie emozioni, rabbia, etc. etc.

Mali che non sembrano mali perché non esistono delle medicine preconfezionate.
Sono tutte “difficoltà” che possono essere alleviate solo dal contributo di noi familiari.

Ci sono mamme, come me, che non hanno esitato a mettersi in gioco.
Ci sono altre mamme che, invece, questo coraggio non ce l’hanno subito.
Rimangono assalite da dubbi, rinnegano l’esistenza di una difficoltà, non sono appoggiate da nessuno in famiglia e, di conseguenza, non riescono a prendere il toro per le corna (come si è soliti dire!)
E poi ci sono mamme che, pur accettando l’idea, si limitano a lasciare che siano gli altri – i terapisti – a prendersi l’onere esclusivo della “cura”.

Questo blog nasce con l’intenzione di proporsi come luogo d’incontro per tutte le mamme con difficoltà.
Il mondo virtuale consente di potersi rilassare e condividere tutto ciò che ci passa per la mente.
Perciò, perché non sfruttarlo per leggere e commentare curiosità?!?
Trovare conferma a certi accadimenti personali, porre e porsi delle domande, seguire consigli di altre mamme e, perché no, farsi anche due risate tra amiche ?!?

Perché noi mamme con difficoltà siamo anche donne, che hanno diritto a sorridere col cuore, a vivere attimi di leggerezza che possono renderci più semplice l’intera giornata.

Tutte condividiamo una cosa fondamentale: abbiamo un cuore fragile, carico di emozioni, a volte vincenti a volte dolorose, nascosto sotto una crosta apparentemente infrangibile.

In fondo siamo tutte

Mamme in crosta di marzapane!